La prestazione lavorativa a favore del coniuge si presume gratuita